Computo del periodo di comporto. Esclusione assenze per malattia imputabili all’azienda

Cassazione

Computo del periodo di comporto – esclusione assenze per malattia imputabili all’azienda – onere probatorio in capo a lavoratore – sussistenza

(Tribunale Milano 8 febbraio 2013, n. 18)

Il Tribunale di Milano, con sentenza 8 febbraio 2013, n. 18, ha respinto il ricorso di un lavoratore, il quale aveva impugnato il licenziamento per superamento del periodo di comporto, sostenendo che l’aggravamento della malattia fosse da addebitare alla condotta del datore di lavoro e che i relativi periodi di assenza fossero, dunque, da non computarsi al fine del comporto medesimo.

Il Giudicante, in merito, ha statuito esser onere del lavoratore dimostrare l’imputabilità all’azienda dell’aggravamento delle proprie condizioni di salute e che, nell’ipotesi di specie, non essendo stata raggiunta tale prova, tutte le assenze avrebbero dovuto computarsi ai fini del comporto, con conseguente superamento dello stesso.

Peraltro, il Tribunale non ha neppure accolto l’eccezione del dipendente di mancata indicazione, da parte dell’azienda, del dettaglio dei giorni di assenza nella lettera del licenziamento, ritenendo pacifico che tale informazione era stata già fornita oralmente ed evidenziando, in ogni caso, la correttezza e buona fede datoriale nello svolgimento del rapporto, emergenti anche dal fatto che l’azienda, pur non essendovi tenuta, aveva avvertito il lavoratore sia del prossimo superamento del periodo di comporto, sia della possibilità, per questi, di usufruire di un’aspettativa, ai sensi del CCNL applicabile.

Causa seguita da Vittorio Provera e Andrea Beretta

0

Related Posts

Il dipendente relegato in…

Il dipendente relegato in una condizione di nullafacenza non ha diritto al risarcimento se non allega e prova rigorosamente il danno subito Tribunale di Bergamo, sezione lavoro, 26 giugno 2014…
Read more

L’avvocato che dichiara di…

Corte di Cassazione, sez. II civ., sentenza 26 marzo - 23 giugno 2014 Ai sensi dell'art. 1388 cod. civ., “il contratto concluso dal rappresentante in nome e nell'interesse del rappresentato,…
Read more

Giusta causa di recesso…

Tribunale di Bologna, 10 giugno 2014 Nel caso in esame, l’agente aveva adito il Giudice del lavoro, chiedendo l’accertamento dell’illegittimità del recesso per giusta causa operato dalla preponente, con condanna…
Read more