Il dirigente rivendica il bonus in mancanza di specificazione degli obiettivi

Cassazione

Il dirigente rivendica il bonus in mancanza di specificazione degli obiettivi: deve provare che, se assegnati, li avrebbe raggiunti  

Così ha deciso la Corte d’Appello di Genova, con sentenza pubblicata il 4 luglio 2013, confermando il decisum del Tribunale della Spezia.

La lettera di assunzione del dirigente prevedeva la possibilità di riconoscimento di un premio, di importo fino al 30% della retribuzione contrattuale, a raggiungimento di obiettivi, aziendali (con riferimento al Gruppo di imprese) e individuali, che avrebbero dovuto essere specificati con successiva comunicazione aziendale (piano MBO).

L’azienda non ha mai comunicato tali criteri, ed anzi ha informato tutti i dirigenti che il piano MBO era stato sospeso, a causa della crisi economico finanziaria attraversata dal Gruppo.

La Corte d’Appello ha stabilito che il dirigente – allorché agisca in giudizio per chiedere il pagamento del bonus – deve allegare e dimostrare quali obiettivi avrebbero potuto essere ragionevolmente fissati dall’azienda, tenuto conto della situazione di crisi; deve, inoltre, dimostrare che “avrebbe avuto una concreta, effettiva e non ipotetica probabilità di poterli raggiungere”.

Causa seguita da Tommaso Targa

0

Related Posts

Il dipendente relegato in…

Il dipendente relegato in una condizione di nullafacenza non ha diritto al risarcimento se non allega e prova rigorosamente il danno subito Tribunale di Bergamo, sezione lavoro, 26 giugno 2014…
Read more

L’avvocato che dichiara di…

Corte di Cassazione, sez. II civ., sentenza 26 marzo - 23 giugno 2014 Ai sensi dell'art. 1388 cod. civ., “il contratto concluso dal rappresentante in nome e nell'interesse del rappresentato,…
Read more

Giusta causa di recesso…

Tribunale di Bologna, 10 giugno 2014 Nel caso in esame, l’agente aveva adito il Giudice del lavoro, chiedendo l’accertamento dell’illegittimità del recesso per giusta causa operato dalla preponente, con condanna…
Read more