Il collegamento societario è sufficiente a costituire un unico centro di imputazione del rapporto di lavoro?

Cassazione

Il collegamento societario è sufficiente a costituire un unico centro di imputazione del rapporto di lavoro?

Il Tribunale di Milano, con sentenza 15 ottobre 2012, lo ha escluso. 

Un quadro, licenziato da una finanziaria con meno di 15 dipendenti, ha lamentato l’illegittimità del licenziamento e chiesto la reintegrazione, asserendo che la datrice di lavoro costituirebbe un unico centro di imputazione del rapporto con altra società industriale, di grosse dimensioni, di cui la prima detiene una partecipazione azionaria.

Il Giudice ha respinto la tesi del dipendente, affermando che quest’ultimo aveva l’onere (che non ha assolto) di dimostrare di essere stato utilizzato in modo promiscuo da entrambe le società, e che tra le stesse esiste una sostanziale unicità organizzativa e amministrativa.

Il Giudice ha anche escluso la domanda di condanna al risarcimento del danno esistenziale da mobbing, richiamando la giurisprudenza secondo cui tale fattispecie è integrata da comportamenti ostili, reiterati e sistematici, per cui non può riconoscersi in pochi episodi, privi di valenza persecutoria.

(Causa curata da Tommaso Targa)

0

Related Posts

Il dipendente relegato in…

Il dipendente relegato in una condizione di nullafacenza non ha diritto al risarcimento se non allega e prova rigorosamente il danno subito Tribunale di Bergamo, sezione lavoro, 26 giugno 2014…
Read more

L’avvocato che dichiara di…

Corte di Cassazione, sez. II civ., sentenza 26 marzo - 23 giugno 2014 Ai sensi dell'art. 1388 cod. civ., “il contratto concluso dal rappresentante in nome e nell'interesse del rappresentato,…
Read more

Giusta causa di recesso…

Tribunale di Bologna, 10 giugno 2014 Nel caso in esame, l’agente aveva adito il Giudice del lavoro, chiedendo l’accertamento dell’illegittimità del recesso per giusta causa operato dalla preponente, con condanna…
Read more