Newsletter N° 129 Novembre 2018

Scaletta

  • Licenziamenti e tutele crescenti: discrezionalità “vincolata” del Giudice nella quantificazione dell’indennità risarcitoria
  • Decreto Dignità: il Ministero del Lavoro fornisce le prime indicazioni interpretative in tema di contratto a termine e di somministrazione
  • Il contratto di lavoro a chiamata dopo il Decreto Dignità: una possibile alternativa?
  • Il dipendente non può rifiutarsi unilateralmente di ottemperare ad un ordine del datore, anche se lo ritiene illegittimo
  • Successione di contratti a termine e poi assunzione a tempo indeterminato. È legittimo il patto di prova?
  • La sentenza del mese. Rito Fornero: inammissibile il reclamo avverso l’ordinanza resa all’esito della fase sommaria
  • Anche quando le parti collettive lo chiamano “ipotesi di accordo”, è un accordo sindacale a tutti gli effetti
  • Licenziamento per superamento del periodo del comporto: nel computo si considerano anche i periodi di assenza per malattia professionale, e il licenziamento è legittimo se il lavoratore non
    dimostra la responsabilità del datore di lavoro nella insorgenza della malattia
  • Legittimo il licenziamento per giusta causa del piazzista che falsifica sistematicamente ricevute e fatture per ottenere il rimborso di spese sostenute a fini personali
  • Diritto Civile. Responsabilità della scuola di sci
  • Assicurazioni, Locazioni, Responsabilità
  • Osservatorio sulla cassazione
  • Il punto su: Azzeramento del capitale, vademecum su come esercitare la vigilanza dell’amministratore
  • Biblioteca T&P
  • Rassegna Stampa

 

Leggi la Newsletter di Novembre

 

0

Articoli Correlati

Newsletter N° 130 Gennaio…

Scaletta Inefficacia del licenziamento in caso di codatorialità del rapporto di lavoro Incompatibilità ambientale. Il trasferimento del lavoratore è legittimo Dimissioni annullabili se rassegnate dal lavoratore stressato ed insoddisfatto La sentenza del mese. Elementi…
Leggi ancora

Newsletter N° 128 Ottobre…

Scaletta La Corte Costituzionale interviene sul regime del licenziamento illegittimo nel jobs act: maggiore discrezionalità del giudice nella determinazione dell'indennità, fermi i limiti massimi e minimi. Licenziamento: la (ir)rilevanza della…
Leggi ancora