Dimissioni per giusta causa – L’esigenza di un bilanciamento degli interessi nell’ottica di una “ragionevole” interpretazione del CCNL

collegato lavoro

a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati

La recente sentenza n. 6437 resa dalla Corte di Cassazione il 6 marzo 2020, in materia di dimissioni per giusta causa, offre lo spunto per una riflessione sulla nozione di “norma elastica” elaborata dalla giurisprudenza di legittimità e sulle modalità di applicazione dei canoni di interpretazione del contratto.

La fattispecie esaminata riguarda un’ipotesi di giusta causa di dimissioni prevista dal CCNL (metalmeccanici), che consente al lavoratore, in caso di ritardo nel pagamento della retribuzione di oltre 15 giorni rispetto alla scadenza fissata a fine mese, di recedere dal rapporto di lavoro con diritto al pagamento dell’indennità di preavviso.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more

Conflitto di interessi, contratti…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 20/06/2022 KO l'accordo concluso dall'amministratore in conflitto di interessi. Il contratto concluso dall'Amministratore delegato di una Società per azioni con altra società di cui era…
Read more

Licenziamento del dirigente apicale:…

di Tommaso Targa - NT+ Diritto, 07/06/2022 Con sentenza n. 17689/2022 , pubblicata il 31 maggio 2022, la Cassazione torna a pronunciarsi su un tema dibattuto: quello dei limiti del…
Read more