Dimissioni per giusta causa – L’esigenza di un bilanciamento degli interessi nell’ottica di una “ragionevole” interpretazione del CCNL

collegato lavoro

a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati

La recente sentenza n. 6437 resa dalla Corte di Cassazione il 6 marzo 2020, in materia di dimissioni per giusta causa, offre lo spunto per una riflessione sulla nozione di “norma elastica” elaborata dalla giurisprudenza di legittimità e sulle modalità di applicazione dei canoni di interpretazione del contratto.

La fattispecie esaminata riguarda un’ipotesi di giusta causa di dimissioni prevista dal CCNL (metalmeccanici), che consente al lavoratore, in caso di ritardo nel pagamento della retribuzione di oltre 15 giorni rispetto alla scadenza fissata a fine mese, di recedere dal rapporto di lavoro con diritto al pagamento dell’indennità di preavviso.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

I controlli difensivi e…

di Antonio Cazzella - NT+ Diritto, 04/10/2021 Con sentenza n. 25732 del 23 settembre 2021 la Suprema Corte si è nuovamente pronunciata sui limiti ai quali è sottoposto il datore di…
Leggi ancora

Contratto d’agenzia con paletti:…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 04/10/2021 È nulla per frode alla legge, la clausola prevista nell'ambito di un contratto di agenzia che imponga la corresponsione di una penale di rilevante…
Leggi ancora

Rientro in ufficio, green…

con l'intervento dell'Avv. Jacopo Moretti, Trifirò & Partners Uffici semi-deserti, verifica della certificazione verde esclusivamente all'accesso delle mense aziendali e sospensione del buono pasto nelle giornate “smart”. Tra chi, in…
Leggi ancora