I controlli difensivi e l’utilizzabilità dei dati raccolti ai fini disciplinari

nt+ diritto

di Antonio Cazzella – NT+ Diritto, 04/10/2021

Con sentenza n. 25732 del 23 settembre 2021 la Suprema Corte si è nuovamente pronunciata sui limiti ai quali è sottoposto il datore di lavoro nel controllare il computer utilizzato dal dipendente nello svolgimento della prestazione lavorativa e sulla possibilità di utilizzare i dati raccolti ai fini disciplinari.

Nella fattispecie esaminata è accaduto che, in seguito all’accertamento della diffusione di un virus nella rete aziendale, era emerso che tale virus era stato generato da un file scaricato nel computer aziendale utilizzato da una dipendente; in occasione dell’intervento tecnico sul predetto computer sono stati rilevati numerosi accessi a siti che, all’evidenza, risultavano visitati per ragioni private e per un tempo lungo, tale da integrare una sostanziale e rilevante interruzione della prestazione lavorativa.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Compensi, vertici srl all’asciutto

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 24/11/2021 Tra l'amministratore di srl e la società sussiste un rapporto di immedesimazione organica, tuttavia il diritto al compenso ha una sua connotazione autonoma, con…
Leggi ancora

Sottrarre dati dal PC…

di Marina Olgiati e Francesco Torniamenti - Il Sole 24 Ore, 20/11/2021 I dati contenuti nel pc aziendale in dotazione al dipendente e utilizzati per lo svolgimento dell'attività lavorativa sono…
Leggi ancora

Lavori con giro di…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 13/11/2021 L'appalto è legittimo anche qualora l'appaltatore utilizzi locali ed attrezzature dell'appaltante, purché resti in capo all'appaltatore il rischio di impresa, correlato alla necessità di…
Leggi ancora