La formula “a saldo e stralcio e nulla più a pretendere” non vale quale rinuncia o transazione

cresce il peso della consulenza

di Federico Manfredi – Guida al Lavoro de Il Sole 24 Ore, 6/05/2022

La scrittura mediante la quale il lavoratore, a fronte del pagamento di una somma di denaro, dichiari di accettare la stessa a saldo e stralcio senza nulla più a pretendere non può essere considerata una rinuncia o transazione valevole ai sensi dell’art. 2113 cod. civ.; queste le conclusioni cui è giunto il Tribunale del lavoro di Palermo, che ha stabilito che la predetta scrittura sarebbe invece una mera quietanza a saldo.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more

Conflitto di interessi, contratti…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 20/06/2022 KO l'accordo concluso dall'amministratore in conflitto di interessi. Il contratto concluso dall'Amministratore delegato di una Società per azioni con altra società di cui era…
Read more

Licenziamento del dirigente apicale:…

di Tommaso Targa - NT+ Diritto, 07/06/2022 Con sentenza n. 17689/2022 , pubblicata il 31 maggio 2022, la Cassazione torna a pronunciarsi su un tema dibattuto: quello dei limiti del…
Read more