La notifica del Verbale di accertamento alla società già cancellata dal Registro delle Imprese comporta la nullità insanabile dell’atto

La notifica del Verbale di accertamento alla società già cancellata dal Registro delle Imprese comporta la nullità insanabile dell’atto

Commento a cura dell’avv. Mariapaola Rovetta

Sul punto si è espressa la giurisprudenza di merito che ha ritenuto che la cancellazione di una società dal Registro delle Imprese ha natura costitutiva, comportando quindi l’estinzione della società cancellata ad ogni effetto di legge.

La Suprema Corte ha confermato tale orientamento, affermando che la cancellazione dal registro delle imprese, con estinzione della società prima della notifica dell’avviso di accertamento e dell’instaurazione del giudizio di primo grado, determina il difetto della sua capacità processuale e il difetto di legittimazione a rappresentarla dell’ex liquidatore, ricorrendo, pertanto, un vizio insanabile originario del processo, che avrebbe dovuto condurre da subito ad una pronuncia declinatoria di merito.

Infatti, l’elemento ritenuto decisivo non è l’irritualità della notifica, bensì il fatto che il destinatario non esiste più e non era più esistente già al momento della notifica.

 

0

Articoli Correlati

Contributi Inps, gestione separata:…

il Sole 24Ore - Diritto24:  02/07/2019 Tribunale di Rovereto, 18 giugno 2019 Commento di Barbara Fumai – Trifirò & Partners Avvocati La questione esaminata dalla sentenza in commento riguardava la corretta…
Leggi ancora

Il patto di non…

il Sole 24Ore - Diritto24:  02/07/2019 (Tribunale di Udine, sentenza 24 giugno 2019) a cura di Tommaso Targa – Trifirò & Partners Avvocati Per giurisprudenza consolidata, di legittimità e di merito,…
Leggi ancora

Ancora modifiche inerenti l’obbligo…

il Sole 24Ore - Diritto24:  01/07/2019 Di Vittorio Provera – Trifirò & Partners Avvocati A pochi mesi dal varo del Codice della crisi d'impresa (CCI) ed in occasione della recente legge…
Leggi ancora