La notifica del Verbale di accertamento alla società già cancellata dal Registro delle Imprese comporta la nullità insanabile dell’atto

La notifica del Verbale di accertamento alla società già cancellata dal Registro delle Imprese comporta la nullità insanabile dell’atto

Commento a cura dell’avv. Mariapaola Rovetta

Sul punto si è espressa la giurisprudenza di merito che ha ritenuto che la cancellazione di una società dal Registro delle Imprese ha natura costitutiva, comportando quindi l’estinzione della società cancellata ad ogni effetto di legge.

La Suprema Corte ha confermato tale orientamento, affermando che la cancellazione dal registro delle imprese, con estinzione della società prima della notifica dell’avviso di accertamento e dell’instaurazione del giudizio di primo grado, determina il difetto della sua capacità processuale e il difetto di legittimazione a rappresentarla dell’ex liquidatore, ricorrendo, pertanto, un vizio insanabile originario del processo, che avrebbe dovuto condurre da subito ad una pronuncia declinatoria di merito.

Infatti, l’elemento ritenuto decisivo non è l’irritualità della notifica, bensì il fatto che il destinatario non esiste più e non era più esistente già al momento della notifica.

 

0

Articoli Correlati

Come funziona il riscatto…

Forbes: 25/03/2019 A cura degli avv.ti Stefano Trifirò e Mariapaola Rovetta Il riscatto del corso di laurea è un istituto che permette di valorizzare ai fini pensionistici il periodo del corso di…
Leggi ancora

Manifesta insussitenza del fatto…

Diritto 24 - Il Sole 24 Ore: 25/03/2019 A cura dell'avv. Antonio Cazzella - Trifirò & Partners Avvocati Con la recente sentenza n. 7167 del 13 marzo 2019 la Suprema Corte…
Leggi ancora

Campione d’Italia, Preatoni punta…

Il Sole 24 Ore: 22/03/2019 Ernesto Preatoni punta sul Casinò di Campione d'Italia. L'immobiliarista e finanziere milanese ha in mente un piano articolato: non solo riaprire la casa da gioco…
Leggi ancora