Licenziamenti, il criterio di distinzione fra datori per numero di dipendenti non attua un’efficace tutela

cresce il peso della consulenza

di Federico Manfredi – Guida al Lavoro, 02/08/2022

La Corte costituzionale pur nel dichiarare inammissibili le questioni di legittimità sollevate in via incidentale dal Tribunale del Lavoro di Roma, ha lanciato un ultimatum più che un monito al Legislatore affinché intervenga in modo trasversale e complessivo sui criteri distintivi tra regimi applicabili ai diversi datori di lavoro che – ormai – per la Corte sarebbero desueti e in parte non più dissuasivi rispetto alla funzione di extrema ratio, riservata al licenziamento dall’ordinamento giuridico.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Patti chiari

di Jacopo Moretti - Diritto del Lavoro, Private, 28/11/2022 Patti chiari La severance prevede un'indennità forfettaria in caso di dimissioni per situazioni particolari. L'accordo può essere siglato all'assunzione, fatti salvi…
Read more

Il permesso di controllare

di Marina Tona - Diritto del Lavoro, Forbes, 22/11/2022 Il permesso di controllare A settembre la Suprema Corte ha ritenuto legittimo il licenziamento di un lavoratore che aveva richiesto e…
Read more

Forti divergenze sul lavoro…

di Federico Manfredi - Diritto del Lavoro, il Sole 24 Ore, 15/11/2022 Forti divergenze sul lavoro non integrano straining del dipendente La Suprema Corte pone un ulteriore tassello interpretativo, coerente…
Read more