L’INFEZIONE DA CORONAVIRUS È MALATTIA PROFESSIONALE

collegato lavoro

a cura dell’avv. Stefano Trifirò – Trifirò & Partners avvocati

È da qualche giorno che inizia a parlarsi sempre con più insistenza di Fase 2. Ma non può certo dirsi che con ciò diminuisca la pressione sui datori di lavoro.

Infatti, con il graduale ritorno al lavoro nei locali aziendali, si apre un ulteriore nuovo ed inesplorato panorama di oneri e responsabilità per le società che intendano riprendere le proprie attività. Gli spunti di trattazione al riguardo sarebbero davvero molti e forse non basterebbe una monografia dedicata per una trattazione che possa dirsi esaustiva.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Politiche di remunerazione nelle…

di Francesco Autelitano - Dirittobancario.it, 04/01/2022 1. Ragioni dell’Aggiornamento della Circolare n. 285/2013 e principali novità In data 4 dicembre 2021 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 37° Aggiornamento…
Read more

Smart working oltre la…

di Stefano Trifirò - L'Economia, 6/12/2021 "Nel lockdown le aziende per far fronte all'emergenza sanitaria hanno dovuto improvvisare nuove forme di lavoro, come quello agile. Ma è anche scaturito un…
Read more

Compensi, vertici srl all’asciutto

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 24/11/2021 Tra l'amministratore di srl e la società sussiste un rapporto di immedesimazione organica, tuttavia il diritto al compenso ha una sua connotazione autonoma, con…
Read more