Smart working o Caverna di Platone? L’importanza di un’efficace hr strategy

logo forbes

a cura di Federico Manfredi dello Studio Legale Trifirò & Partners

Lo Smart Working è da mesi al centro dell’attenzione mediatica, divenendo materia di discussione pressoché trasversale a tutti gli ambiti industriali e professionali del Paese. Ciascuno ha avuto occasione di sperimentare e giudicare in prima persona tali nuove modalità di lavoro più o meno smart.

In questi giorni, tuttavia, si sta imponendo nel mercato l’esigenza di un nuovo e più distaccato approccio allo smart working. Infatti, quella che è nata come una misura emergenziale, con la “seconda ondata” pandemica e con le conseguenti disposizioni del Dpcm del 18 ottobre 2020 si sta delineando come una rivoluzione destinata a stabilizzarsi. La differenza sul piano organizzativo-aziendale rispetto alla “prima ondata” è evidente, dovendosi, nell’attuale contesto, non più temporaneamente ovviare ad un lockdown nazionale, bensì implementare stabilmente una vera e propria nuova modalità di svolgimento della prestazione lavorativa.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Controlli informatici sul lavoro…

a cura dell'Avv. Vittorio Provera, Trifirò & Partners Avvocati - ItaliaOggi, 24 novembre 2020 Sono leciti e al di fuori dei divieti dell'art 4 dello statuto dei lavoratori, i controlli…
Leggi ancora

Le misure emergenziali e…

a cura dell'Avv. Vittorio Provera, Trifirò & Partners Avvocati - Panorama, 21/11/2020 La recente proroga del blocco dei licenziamenti al 31 gennaio 2021, introdotta con l'art. 12 D.L. 28 ottobre…
Leggi ancora

Decreto liquidità, cancellazione di…

di Francesco Autelitano, Partner, Trifirò & Partners Avvocati 1. Il decreto ex art. 15 l. fall. cui è dedicato il presente commento (Tribunale di Verbania, 2 novembre 2020) affronta ex professo la…
Leggi ancora