Smart working o Caverna di Platone? L’importanza di un’efficace hr strategy

logo forbes

a cura di Federico Manfredi dello Studio Legale Trifirò & Partners

Lo Smart Working è da mesi al centro dell’attenzione mediatica, divenendo materia di discussione pressoché trasversale a tutti gli ambiti industriali e professionali del Paese. Ciascuno ha avuto occasione di sperimentare e giudicare in prima persona tali nuove modalità di lavoro più o meno smart.

In questi giorni, tuttavia, si sta imponendo nel mercato l’esigenza di un nuovo e più distaccato approccio allo smart working. Infatti, quella che è nata come una misura emergenziale, con la “seconda ondata” pandemica e con le conseguenti disposizioni del Dpcm del 18 ottobre 2020 si sta delineando come una rivoluzione destinata a stabilizzarsi. La differenza sul piano organizzativo-aziendale rispetto alla “prima ondata” è evidente, dovendosi, nell’attuale contesto, non più temporaneamente ovviare ad un lockdown nazionale, bensì implementare stabilmente una vera e propria nuova modalità di svolgimento della prestazione lavorativa.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more

Conflitto di interessi, contratti…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 20/06/2022 KO l'accordo concluso dall'amministratore in conflitto di interessi. Il contratto concluso dall'Amministratore delegato di una Società per azioni con altra società di cui era…
Read more

Licenziamento del dirigente apicale:…

di Tommaso Targa - NT+ Diritto, 07/06/2022 Con sentenza n. 17689/2022 , pubblicata il 31 maggio 2022, la Cassazione torna a pronunciarsi su un tema dibattuto: quello dei limiti del…
Read more