Censura all’avvocato che nella corrispondenza usa espressioni sconvenienti sui colleghi, anche se i fatti sono veri

censura

È stata ritenuta legittima la sanzione della censura inflitta all’avvocato che, in una lettera raccomandata, esprime apprezzamenti sconvenienti su colleghi per l’attività svolta nell’ambito di vertenza aziendale di lavoro, in cui anche il medesimo aveva partecipato in diverso giudizio.

1

Articoli Correlati

ESG, Companies & Labour…

Il 06/07/2021 si è tenuto a Milano, presso la Fondazione Stelline, l'intervento dello studio Trifirò & Partners, dedito alla trattazione di tematiche quali la disciplina del lavoro nell'ambito dei fattori…
Leggi ancora

La privacy è un…

La vaccinazione in azienda è sempre più diffusa. Ma cosa succede se il lavoratore non solo non aderisce alla vaccinazione in azienda, ma decide di non vaccinarsi neanche al di…
Leggi ancora