Censura all’avvocato che nella corrispondenza usa espressioni sconvenienti sui colleghi, anche se i fatti sono veri

censura

È stata ritenuta legittima la sanzione della censura inflitta all’avvocato che, in una lettera raccomandata, esprime apprezzamenti sconvenienti su colleghi per l’attività svolta nell’ambito di vertenza aziendale di lavoro, in cui anche il medesimo aveva partecipato in diverso giudizio.

1

Related Posts

Licenziabile la lavoratrice madre…

La Corte d'Appello di Venezia, con una recentissima sentenza ed in riforma di quella di primo grado, ha ritenuto legittimo il licenziamento di una lavoratrice madre, stante, da un lato,…
Read more

Superamento periodo di comporto…

Il caso in esame ha ad oggetto un licenziamento per superamento del periodo di comporto. Il numero dei giorni di assenza sono pacifici, ma il lavoratore ha lamentato la computabilità…
Read more

Nuove applicazioni per i…

Lo smart working si è palesato come una rivoluzione nelle modalità di esecuzione e di gestione del rapporto di lavoro.
Read more