Dichiarazione di fallimento di società ammessa a concordato preventivo omologato

diritto bancario

di Francesco Autelitano, Partner, Trifirò & Partners Avvocati

1. La questione di massima di particolare importanza

Con ordinanza del 31 marzo 2021, n. 8919, la Prima Sezione della Corte di Cassazione ha esaminato approfonditamente la questione di grande importanza nel diritto della crisi d’impresa, concernente la possibilità che una società ammessa a concordato preventivo, andato a buon fine con l’omologazione e, successivamente, inadempiente a proprie obbligazioni, possa essere sottoposta direttamente a istanza di fallimento da parte dei creditori, senza passare per la preventiva risoluzione del concordato stesso.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Compensi, vertici srl all’asciutto

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 24/11/2021 Tra l'amministratore di srl e la società sussiste un rapporto di immedesimazione organica, tuttavia il diritto al compenso ha una sua connotazione autonoma, con…
Leggi ancora

Sottrarre dati dal PC…

di Marina Olgiati e Francesco Torniamenti - Il Sole 24 Ore, 20/11/2021 I dati contenuti nel pc aziendale in dotazione al dipendente e utilizzati per lo svolgimento dell'attività lavorativa sono…
Leggi ancora

Lavori con giro di…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 13/11/2021 L'appalto è legittimo anche qualora l'appaltatore utilizzi locali ed attrezzature dell'appaltante, purché resti in capo all'appaltatore il rischio di impresa, correlato alla necessità di…
Leggi ancora