Dichiarazione di fallimento di società ammessa a concordato preventivo omologato

diritto bancario

di Francesco Autelitano, Partner, Trifirò & Partners Avvocati

1. La questione di massima di particolare importanza

Con ordinanza del 31 marzo 2021, n. 8919, la Prima Sezione della Corte di Cassazione ha esaminato approfonditamente la questione di grande importanza nel diritto della crisi d’impresa, concernente la possibilità che una società ammessa a concordato preventivo, andato a buon fine con l’omologazione e, successivamente, inadempiente a proprie obbligazioni, possa essere sottoposta direttamente a istanza di fallimento da parte dei creditori, senza passare per la preventiva risoluzione del concordato stesso.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Illegittimo il licenziamento della…

di Federico Manfredi - Guida al Lavoro de Il Sole 24 Ore, 17 maggio 2022 La Cassazione ha ritenuto pienamente illegittimo (dunque con tutela reintegratoria ex art. 18 St. Lav)…
Read more

Tutela dell’ambiente e Codice…

di Mariapaola Rovetta - Centro Responsabilità Sociale, 09/05/22 L’ 8 febbraio 2022  è una data importante, perché il Parlamento, sulla base delle norme che prevedono la possibilità di una revisione…
Read more

La formula “a saldo…

di Federico Manfredi - Guida al Lavoro de Il Sole 24 Ore, 6/05/2022 La scrittura mediante la quale il lavoratore, a fronte del pagamento di una somma di denaro, dichiari…
Read more