Il divieto del licenziamento (ritorsivo) per lavoratore che rifiuta il mutamento della fascia oraria del part-time

collegato lavoro

Il Sole24Ore – Diritto24:  27/06/2019

a cura di Tommaso Targa – Trifirò & Partners Avvocati

In materia di part-time, l’art. 6 del d.lgs. 81/2015 prevede che “il rifiuto del lavoratore di concordare una variazione dell’orario di lavoro non costituisce giustificato motivo di licenziamento”. Tale norma afferma una regola già prevista dalla precedente normativa sul part-time, e fa da pendant all’art. 8 secondo cui “il rifiuto del lavoratore di trasformare il proprio rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale, o viceversa, non costituisce giustificato motivo di licenziamento”.

Continua a leggere l’intero articolo qui

 

0

Related Posts

Politiche di remunerazione nelle…

di Francesco Autelitano - Dirittobancario.it, 04/01/2022 1. Ragioni dell’Aggiornamento della Circolare n. 285/2013 e principali novità In data 4 dicembre 2021 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 37° Aggiornamento…
Read more

Smart working oltre la…

di Stefano Trifirò - L'Economia, 6/12/2021 "Nel lockdown le aziende per far fronte all'emergenza sanitaria hanno dovuto improvvisare nuove forme di lavoro, come quello agile. Ma è anche scaturito un…
Read more

Compensi, vertici srl all’asciutto

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 24/11/2021 Tra l'amministratore di srl e la società sussiste un rapporto di immedesimazione organica, tuttavia il diritto al compenso ha una sua connotazione autonoma, con…
Read more