Jobs Act: quando l’utopia diviene distopia

lavoro diritti europa

a cura dell’Avv. Salvatore Trifirò

Il bel libro di Stefano Giubboni già nel titolo – “Anni difficili. I licenziamenti in Italia in tempi di crisi” – ci riporta in un baleno in un passato tutt’ora vivo: in quegli anni infuocati che a partire dalla metà degli anni ’60 fino alla fine degli anni ’70, sono dai più ricordati come l’archè di quelle branche del diritto che si riscontrano nel diritto del lavoro e nel diritto sindacale odierno.
Allora come oggi il ceto imprenditoriale viene chiamato in causa.
Allora ha reagito ai picchettaggi, alle reintegrazioni forzose sul posto di lavoro in forza dell’art. 18 Statuto Lavoratori, ovvero alle reintegrazioni di migliaia di dipendenti in forza dell’art. 28 della stessa Legge sotto la forte spinta delle OO. SS. sostenute dai cosiddetti Pretori d’assalto.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Compensi, vertici srl all’asciutto

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 24/11/2021 Tra l'amministratore di srl e la società sussiste un rapporto di immedesimazione organica, tuttavia il diritto al compenso ha una sua connotazione autonoma, con…
Leggi ancora

Sottrarre dati dal PC…

di Marina Olgiati e Francesco Torniamenti - Il Sole 24 Ore, 20/11/2021 I dati contenuti nel pc aziendale in dotazione al dipendente e utilizzati per lo svolgimento dell'attività lavorativa sono…
Leggi ancora

Lavori con giro di…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 13/11/2021 L'appalto è legittimo anche qualora l'appaltatore utilizzi locali ed attrezzature dell'appaltante, purché resti in capo all'appaltatore il rischio di impresa, correlato alla necessità di…
Leggi ancora