Sulla invocata risoluzione per mutuo consenso del rapporto di lavoro

nt+ diritto

di Tommaso Targa e Enrico Vella – NT+ Diritto, 15/06/2022

Nell’ambito di un rapporto di lavoro ormai logoro, una lavoratrice è rimasta assente ingiustificata per oltre sei mesi, dopo la fruizione di un periodo di ferie.

A richiesta di chiarimenti da parte dell’azienda, che ha dapprima contestato disciplinarmente l’assenza ingiustificata – senza tuttavia irrogare alcuna sanzione – e poi invitato la lavoratrice a dimettersi, quest’ultima ha risposto di non avere intenzione di farlo, pur avendo deciso di non rientrare al lavoro, essendo semmai il datore di lavoro, a suo dire, a doverla licenziare.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

La lotta alle discriminazioni…

di Mariapaola Rovetta - Responsabilità Sociale, 2/08/2022 Quando si parla di sostenibilità e di social responsibility all’interno delle aziende e, in generale, degli ambienti di lavoro per renderli vivibili, armonici e, di conseguenza,…
Read more

Licenziamenti, il criterio di…

di Federico Manfredi - Guida al Lavoro, 02/08/2022 La Corte costituzionale pur nel dichiarare inammissibili le questioni di legittimità sollevate in via incidentale dal Tribunale del Lavoro di Roma, ha…
Read more

La portata applicativa dell’accordo…

di Tommaso Targa e Leonardo Calella - NT+ Diritto, 19/07/2022 Con ordinanza numero 21450 del 6 luglio 2022 , la Corte di Cassazione ha confermato il proprio orientamento secondo cui…
Read more