L’indennità risarcitoria prevista dal Jobs Act

indennità risarcitoria

Il 16 luglio scorso la Corte Costituzionale ha depositato le motivazioni della sentenza (n. 150/2020) con la quale ha dichiarato l’incostituzionalità del criterio di calcolo dell’indennità previsto dall’art. 4, d.lgs. 4 marzo 2015, n. 23 (c.d. Jobs Act) per i licenziamenti viziati sul piano formale e procedurale.
Secondo la Consulta l’indennità non può essere rigidamente ancorata alla sola anzianità di servizio.

0

Related Posts

Recesso dal contratto di…

Il Giudice del Lavoro di Firenze ha rigettato la domanda di declaratoria di nullità/illegittimità/inefficacia del recesso dal contratto di apprendistato inter partes avanzata da una lavoratrice, non avendo rinvenuto vizi…
Read more

Recesso con preavviso e…

Con ordinanza n. 27934 del 13 Ottobre 2021 la suprema corte si è pronunciata sul diritto della parte recedente di ottenere il pagamento dell'indennità sostitutiva in caso in cui l'altra…
Read more

Superamento comporto, niente alert…

In caso di licenziamento per il superamento del comporto, il datore di lavoro non è obbligato ad allertare il dipendente circa l'imminente superamento del periodo massimo di conservazione del rapporto,…
Read more