“Brexodus” e nuovi lavoratori migranti

A cura della Redazione Biblioteca

 

Il tredicesimo volume dell’Enciclopedia giuridica del lavoro, pubblicato nel 1983 (poi riedito nel 2001), si intitolava Diritto comunitario del lavoro. A firmarlo era Fausto Pocar, classe 1938, professore emerito di Diritto internazionale all’Università degli Studi di Milano e già membro di alcuni dei più importanti organi internazionali che si occupano di diritti umani, come l’Assemblea generale delle Nazioni Unite di New York o la Commissione per i Diritti Umani di Ginevra.

Il volume, custodito nella nostra Biblioteca, con ex libris del Prof. Grassetti, testimonia anni in cui la Comunità Europea – intesa come insieme di cittadini che vivevano, lavoravano, pagavano le tasse sul vasto territorio di un’Europa allora in costruzione e divenire – stava facendo i conti con le ripercussioni derivanti dall’emanazione di norme comunitarie che incidevano poi sulle discipline del lavoro a livello nazionale, in virtù dell’alto tasso di circolazione di persone e della loro emigrazione nei diversi Stati dell’Unione.

 

“La nozione di lavoratore con riferimento alla cittadinanza”, “I diritti sindacali dei lavoratori migranti”, “L’accesso all’impiego” di tali lavoratori entro i confini (liberi) dell’Europa sono solo alcuni dei capitoli che il volume affronta. Capitoli che oggi suonano carichi di echi più complessi e più cupi, sia perché il concetto di immigrazione e di “lavoratore migrante” è inevitabilmente e immediatamente associato alla tragedia umana dei migranti da Paesi extra-europei (al momento priva evidentemente di soluzioni e norme efficaci), sia perché anche all’interno dell’Europa insistono ampie forze disgregative, che riportano in qualche misura indietro nel tempo. La Brexit, alla quale seguirà forse quello che è stato ribattezzato Brexodus – una fuga epocale, quasi biblica, di persone, aziende, investimenti dall’Inghilterra – ci pone di fronte a interrogativi politici ma anche giuridici: come verrà normata la situazione dei molti “lavoratori migranti” ora in Inghilterra, tra cui tanti Italiani? È possibile che Theresa May non arrivi a un accordo finale con Bruxelles e che dunque la politica non sia in grado di attuare quanto deciso da un regolare referendum, democraticamente svolto? È forse possibile anche solo pensare di indire un nuovo referendum perché quello precedente ha dato un esito “scomodo”? Non è questo un pericoloso vulnus per la democrazia stessa? E di chi può essere la responsabilità di questa decisione?

L’uscita dell’Inghilterra dall’Unione Europea è prevista per il 29 marzo prossimo. Non sappiamo se a queste domande si troverà una risposta, ma sarà certamente necessario un nuovo sforzo normativo e un grande senso di responsabilità per regolare un Diritto comunitario del lavoro che, dopo quella data, subirà profondi e imprevedibili cambiamenti.

0

Related Posts

Tra spazio e tempo

A cura della Redazione Biblioteca Dopo l’intervallo dovuto alla pandemia e i tentativi, necessariamente limitati, di far ripartire le macchine, finalmente torna a Milano – in programma dal 6 al…
Read more

Twitter-Twister

A cura della Redazione Biblioteca “Free speech is the bedrock of a functioning democracy, and Twitter is the digital town square where matters vital to the future of humanity are…
Read more

Passionarnost

Da oltre un mese la guerra in Ucraina ha cambiato la prospettiva di ciascuno di noi. Dopo la pandemia, da cui ancora a fatica il mondo stava uscendo (o, almeno,…
Read more