Errata segnalazione alla centrale rischi: niente risarcimento se l’azienda era già in crisi

collegato lavoro

Commento a cura dell’avv. Vittorio Provera
Partner – Trifirò & Partners Avvocati

Con pronuncia del 1 luglio 2020 n. 13264 la Corte di Cassazione ha statuito che, in caso di erronea segnalazione alla Centrale rischi della Banca d’Italia di una posizione debitoria, la stessa non determina un diritto al risarcimento del danno patrimoniale e/o extrapatrimoniale, qualora l’Azienda interessata aveva difficoltà economiche e finanziarie da anni.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Part-time, violazione delle clausole…

dell'Avv. Tommaso Targa La sentenza in commento si è pronunciata in merito al ricorso presentato da una lavoratrice addetta, con orario di lavoro part-time, a mansioni promiscue di maschera, cassiera…
Leggi ancora

Smart working o Caverna…

a cura di Federico Manfredi dello Studio Legale Trifirò & Partners Lo Smart Working è da mesi al centro dell’attenzione mediatica, divenendo materia di discussione pressoché trasversale a tutti gli…
Leggi ancora

L’ufficio sarà digitale, più…

dell'Avv. Jacopo Moretti - Corriere Economia 19/10/2020 "Rispetto all'organizzazione del lavoro dipendente, basata sulla presenza stabile nei locali aziendali e sull'osservanza di orari di lavoro fissi, lo smart working costituisce…
Leggi ancora