Indennità risarcitoria parametrata alla sola anzianità di servizio: nuova bocciatura da parte della Consulta

collegato lavoro

A cura di Roberto Pettinelli – Trifirò & Partners Avvocati

Il 16 luglio scorso la Corte Costituzionale ha depositato le motivazioni della sentenza (n. 150/2020) con la quale ha dichiarato l’incostituzionalità del criterio di calcolo dell’indennità previsto dall’art. 4, d.lgs. 4 marzo 2015, n. 23 (c.d. Jobs Act) per i licenziamenti viziati sul piano formale e procedurale. Secondo la Consulta l’indennità non può essere rigidamente ancorata alla sola anzianità di servizio.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Sulla invocata risoluzione per…

di Tommaso Targa e Enrico Vella - NT+ Diritto, 15/06/2022 Nell'ambito di un rapporto di lavoro ormai logoro, una lavoratrice è rimasta assente ingiustificata per oltre sei mesi, dopo la…
Read more

Legittimo e proporzionato il…

di Federico Manfredi - Guida al Lavoro, 29/06/2022 La Cassazione ha ritenuto il licenziamento proporzionato alla gravità dei complessivi fatti addebitati, in  quanto la contestualizzazione della vicenda non legittimava la…
Read more

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more