Legittimo il licenziamento del dipendente che, reagendo in male fede al trasferimento, resta assente ingiustificato per 15 giorni

collegato lavoro

Il Sole24Ore – Diritto24: 17/10/2019 

a cura di Tommaso Targa, Trifirò & Partners Avvocati

Tribunale di Frosinone, sentenza 16 ottobre 2019

Con la sentenza in commento, il Tribunale di Frosinone si è pronunciato in ordine a una fattispecie che, nella prassi, si verifica con sempre maggior frequenza: licenziamento intimato per giusta causa al lavoratore che resta assente ingiustificato dal servizio, così reagendo alla pretesa illegittimità del trasferimento disposto dall’azienda.

Continua a leggere l’intero articolo qui

0

Related Posts

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more

Conflitto di interessi, contratti…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 20/06/2022 KO l'accordo concluso dall'amministratore in conflitto di interessi. Il contratto concluso dall'Amministratore delegato di una Società per azioni con altra società di cui era…
Read more

Licenziamento del dirigente apicale:…

di Tommaso Targa - NT+ Diritto, 07/06/2022 Con sentenza n. 17689/2022 , pubblicata il 31 maggio 2022, la Cassazione torna a pronunciarsi su un tema dibattuto: quello dei limiti del…
Read more