Legittimo il licenziamento del dipendente che, reagendo in male fede al trasferimento, resta assente ingiustificato per 15 giorni

collegato lavoro

Il Sole24Ore – Diritto24: 17/10/2019 

a cura di Tommaso Targa, Trifirò & Partners Avvocati

Tribunale di Frosinone, sentenza 16 ottobre 2019

Con la sentenza in commento, il Tribunale di Frosinone si è pronunciato in ordine a una fattispecie che, nella prassi, si verifica con sempre maggior frequenza: licenziamento intimato per giusta causa al lavoratore che resta assente ingiustificato dal servizio, così reagendo alla pretesa illegittimità del trasferimento disposto dall’azienda.

Continua a leggere l’intero articolo qui

0

Articoli Correlati

Decreto Rilancio: facciamo il…

di Marina Olgiati e Francesco Torniamenti, Trifirò & Partners Avvocati L'articolo 80 del Decreto Legge n. 34, in vigore dal 19 maggio 2020 (cd. "Decreto Rilancio"), ha modificato l'art. 46…
Leggi ancora

Decreto Rilancio. Ancora deroghe…

di Anna Maria Corna partner Studio Trifirò & Partners A seguito della entrata in vigore della legge n. 27/2020 di conversione, con modifiche, del D.L. n. 18 del 17/2/2020, si…
Leggi ancora

La responsabilità del datore…

A cura di Tommaso Targa e Leonardo Calella (Trifirò & Partners Avvocati) Con la circolare n. 22 del 20 maggio 2020, l'Inail è intervenuto (per la seconda volta in poco tempo)…
Leggi ancora