Licenziamenti e tutele crescenti: discrezionalità “vincolata” del Giudice nella quantificazione dell’indennità risarcitoria

collegato lavoro

Diritto 24 – Il Sole 24 Ore: 09/11/2018
Licenziamenti e tutele crescenti: discrezionalità “vincolata” del Giudice nella quantificazione dell’indennità risarcitoria

Commento a cura dell’avv. Marina Olgiati

“È stata pubblicata la sentenza della Corte Costituzionale (sentenza 8 novembre 2018, n.194), che – come annunciato dalla stessa Consulta nel comunicato stampa del 26 settembre scorso – ha dichiarato l’illegittimità dell’art. 3, comma 1, del D. Lgs. n. 23/2015, per contrasto con i principi di ragionevolezza e di uguaglianza e con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli artt. 4 e 35 della Costituzione, nella parte in cui, in caso di licenziamento ingiustificato in regime di contratto di lavoro a tutele crescenti (c.d. Job Act), prevede(va) un’indennità progressiva in funzione della sola anzianità di servizio.

D’ora in poi la parte della norma dichiarata incostituzionale non potrà più applicarsi ai giudizi pendenti e futuri.

 

Leggi la sentenza

Continua a leggere l’articolo >>

0

Related Posts

Il permesso di controllare

di Marina Tona - Diritto del Lavoro, Forbes, 22/11/2022 Il permesso di controllare A settembre la Suprema Corte ha ritenuto legittimo il licenziamento di un lavoratore che aveva richiesto e…
Read more

Forti divergenze sul lavoro…

di Federico Manfredi - Diritto del Lavoro, il Sole 24 Ore, 15/11/2022 Forti divergenze sul lavoro non integrano straining del dipendente La Suprema Corte pone un ulteriore tassello interpretativo, coerente…
Read more

Preliminare, uscire è costoso

di Vittorio Provera - Diritto del Lavoro, Italia Oggi, 14/11/2022 Preliminare, uscire è costoso Il promittente venditore paga la caparra e il lucro cessante Leggi l’intero articolo qui!
Read more