Presupposti di configurabilità del reato di sfruttamento del lavoro

nt+ diritto

di Tommaso Targa e Giuseppe Sacco – NT+ Diritto, 05/07/22

Con la sentenza n. 24388/2022, pubblicata il 24 giugno 2022, la Cassazione (quarta sezione penale) ha definito gli elementi costitutivi della fattispecie del reato di sfruttamento del lavoro ex art. 603 bis cod. pen.. Esso è qualificabile come reato istantaneo con effetto permanente, potendo essere commesso attraverso l’assunzione del lavoratore sfruttato in condizioni di bisogno. Tuttavia, la norma penale incrimina non solo l’assunzione in sé, ma anche la condotta, protratta nel tempo, consistente nella utilizzazione o impiego di fatto del lavoratore. Di conseguenza, il comportamento del datore di lavoro è rilevante penalmente a partire dal momento in cui il lavoratore viene assunto e per tutto il tempo in cui il rapporto di lavoro continua in regime di sfruttamento.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

La lotta alle discriminazioni…

di Mariapaola Rovetta - Responsabilità Sociale, 2/08/2022 Quando si parla di sostenibilità e di social responsibility all’interno delle aziende e, in generale, degli ambienti di lavoro per renderli vivibili, armonici e, di conseguenza,…
Read more

Licenziamenti, il criterio di…

di Federico Manfredi - Guida al Lavoro, 02/08/2022 La Corte costituzionale pur nel dichiarare inammissibili le questioni di legittimità sollevate in via incidentale dal Tribunale del Lavoro di Roma, ha…
Read more

La portata applicativa dell’accordo…

di Tommaso Targa e Leonardo Calella - NT+ Diritto, 19/07/2022 Con ordinanza numero 21450 del 6 luglio 2022 , la Corte di Cassazione ha confermato il proprio orientamento secondo cui…
Read more