Sicurezza sul lavoro e “sciopero pignolo”: fino a dove il rifiuto della prestazione lavorativa può essere motivato da una eccezione di inadempimento sollevata dal dipendente

nt+ diritto

di Tommaso Targa e Sofia Bitella – NT+ Diritto, 4/11/2021

Il Tribunale di Forlì, tramite ben otto sentenze “gemelle“, si è pronunciato sulla legittimità del licenziamento per giusta causa intimato ad una serie di dipendenti che avevano rallentato le attività a cui erano preposti con lo scopo di nuocere tanto all’organizzazione del lavoro, quanto al loro superiore gerarchico, di cui i medesimi avevano chiesto, in precedenza e senza risultati, l’allontanamento.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more

Conflitto di interessi, contratti…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 20/06/2022 KO l'accordo concluso dall'amministratore in conflitto di interessi. Il contratto concluso dall'Amministratore delegato di una Società per azioni con altra società di cui era…
Read more

Licenziamento del dirigente apicale:…

di Tommaso Targa - NT+ Diritto, 07/06/2022 Con sentenza n. 17689/2022 , pubblicata il 31 maggio 2022, la Cassazione torna a pronunciarsi su un tema dibattuto: quello dei limiti del…
Read more