Sicurezza sul lavoro e “sciopero pignolo”: fino a dove il rifiuto della prestazione lavorativa può essere motivato da una eccezione di inadempimento sollevata dal dipendente

nt+ diritto

di Tommaso Targa e Sofia Bitella – NT+ Diritto, 4/11/2021

Il Tribunale di Forlì, tramite ben otto sentenze “gemelle“, si è pronunciato sulla legittimità del licenziamento per giusta causa intimato ad una serie di dipendenti che avevano rallentato le attività a cui erano preposti con lo scopo di nuocere tanto all’organizzazione del lavoro, quanto al loro superiore gerarchico, di cui i medesimi avevano chiesto, in precedenza e senza risultati, l’allontanamento.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Compensi, vertici srl all’asciutto

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 24/11/2021 Tra l'amministratore di srl e la società sussiste un rapporto di immedesimazione organica, tuttavia il diritto al compenso ha una sua connotazione autonoma, con…
Leggi ancora

Sottrarre dati dal PC…

di Marina Olgiati e Francesco Torniamenti - Il Sole 24 Ore, 20/11/2021 I dati contenuti nel pc aziendale in dotazione al dipendente e utilizzati per lo svolgimento dell'attività lavorativa sono…
Leggi ancora

Lavori con giro di…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 13/11/2021 L'appalto è legittimo anche qualora l'appaltatore utilizzi locali ed attrezzature dell'appaltante, purché resti in capo all'appaltatore il rischio di impresa, correlato alla necessità di…
Leggi ancora