Il potenziale dello smart working passa dagli accordi individuali

potenziale smart working

Durante gli anni ’80 alcuni intraprendenti imprenditori davano vita a forme di lavoro autonomo c.d. atipiche (quelle dei pony express e delle vendite porta a porta).
Sulla stessa scia si concretizzava in Olanda, in altri Paesi del Nord Europa e in Australia durante gli anni ’90 il “concept” dello smart working come nuovo modello di organizzazione del lavoro.

0

Articoli Correlati

Controlli informatici sul lavoro…

Sono leciti e al di fuori dei divieti dell'articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori, i controlli informatici sul lavoro finalizzati ad accertare comportamenti costituenti lesione dell'immagine aziendale e, astrattamente, reato;…
Leggi ancora

La prova del danno…

La Corte di Cassazione con sentenza 11 novembre 2020 - n. 23144, si pronuncia sulla domanda di risarcimento del danno conseguente ad un accertato demansionamento. Il commento e le considerazioni…
Leggi ancora

Part-Time, violazione delle clausole…

L'avvocato Tommaso Targa commenta una sentenza molto rilevante per il principio che stabilisce. Una lavoratrice con orario di lavoro part-time e mansioni di maschera, cassiera e barista presso un cinema…
Leggi ancora