La reintegrazione non è “facoltativa” nel licenziamento per ragioni economiche: la decisione della Corte Costituzionale

reintegrazione non facoltativa

La Corte Costituzionale ha ricordato che, nel caso di licenziamento per ragioni organizzative, spetta al datore di lavoro dimostrare il nesso causale che collega il recesso alle scelte organizzative nonché l’impossibilità di reperire una differente collocazione lavorativa.

0

Articoli Correlati

Aumenti contrattuali ed assorbibilità…

Nell'ambito del rapporto di lavoro subordinato le parti possono pattuire la corresponsione, in favore del dipendente, di un emolumento aggiuntivo alla retribuzione minima prevista dal contratto collettivo, comunemente denominato "superminimo".
Leggi ancora

Il Tribunale di Belluno…

Il Tribunale di Belluno si è espresso relativamente al reclamo promosso da sette operatori socio-sanitari in forza presso una RSA attraverso il provvedimento precedentemente pronunciato - ex art. 700 c.p.c…
Leggi ancora

La raccomandata non ritirata…

Un dipendente conveniva in giudizio il suo datore di lavoro al fine di ottenere l'annullamento della sanzione disciplinare del biasimo scritto, sostenendo di non aver mai precedentemente ricevuto la lettera…
Leggi ancora