La reintegrazione non è “facoltativa” nel licenziamento per ragioni economiche: la decisione della Corte Costituzionale

reintegrazione non facoltativa

La Corte Costituzionale ha ricordato che, nel caso di licenziamento per ragioni organizzative, spetta al datore di lavoro dimostrare il nesso causale che collega il recesso alle scelte organizzative nonché l’impossibilità di reperire una differente collocazione lavorativa.

0

Articoli Correlati

Illecita sottrazione di somme…

La Corte d'Appello di Milano, con decisione in data 22 Marzo 2021, ha condannato l'ex dipendente amministrativa di un'azienda a restituire l'importo di oltre un milione di euro di cui…
Leggi ancora

Sostenibilità e cambiamento climatico.…

È ormai nota, e noi stessi abbiamo già affrontato, l'importanza dei concetti di sviluppo sostenibile e Social Responsability anche all'interno del contesto lavorativo sia quando si tratta di aziende, ma…
Leggi ancora