Crisi d’impresa, la riforma è ai blocchi di partenza

assegni scoperti

Italia Oggi: 18/03/2019

Vittorio Provera, partner di Trifirò & Partners, evidenzia come la riforma preveda «una maggiore complessità, dovuta alle nuove norme in materia di concordato preventivo (riduzione dei termini per la presentazione del piano concordatorio), la cui redazione è assai complessa e valuta molteplici aspetti.Per i creditori la novità nell’ambito dell’accordo di ristrutturazione dei debiti, che consente in caso di approvazione di almeno il 75% dei creditori, l’estensione degli effetti anche ai non aderenti, a condizione che vi sia continuità aziendale e che la proposta risulti anche per questi ultimi più vantaggiosa della liquidazione giudiziale».

0

Articoli Correlati

La Capo Gruppo non…

Il Sole 24 Ore - Diritto 24: 20/06/2019 a cura degli avv. Bonaventura Minutolo e Francesco Torniamenti – Trifirò & Partners Avvocati Due assicurati avevano contratto alcune polizze con una compagnia…
Leggi ancora

Il robot difettoso vi…

Corriere Economia:  10/06/2019 Con il commento dell'Avv. Stefano Trifirò - – Trifirò & Partners Avvocati L'intelligenza artificiale è sempre più chiamata a gestire gli aspetti importanti della vita dell'impresa. In alcuni casi,…
Leggi ancora

MSC: omologato il concordato…

Il Resto del Carlino:  07/06/2019 Il Tribunale di Ravenna, riunito in Camera di Consiglio, raccolto il voto favorevole della maggioranza dei creditori e il parere favorevole all'omologazione espresso dai Commissari giudiziali…
Leggi ancora