I requisiti del corrispettivo a favore del dipendente nel patto di non concorrenza ai sensi dell’art. 2125 cod. civ

nt+ diritto

di Antonio Cazzella

Con la recente sentenza n. 5540 del 1° marzo 2021 la Corte di Cassazione si è pronunciata sui requisiti del corrispettivo a favore del lavoratore nell’ambito di un patto di non concorrenza stipulato ai sensi dell’art. 2125 cod. civ., che era stato dichiarato nullo in quanto, secondo la valutazione della Corte di merito, il corrispettivo non era determinato, nè – tantomeno – determinabile.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Dichiarazione di fallimento di…

di Francesco Autelitano, Partner, Trifirò & Partners Avvocati 1. La questione di massima di particolare importanza Con ordinanza del 31 marzo 2021, n. 8919, la Prima Sezione della Corte di…
Leggi ancora

Sostenibilità anche a casa:…

di Mariapaola Rovetta - Corriere della Sera, 6/04/2021 Lo sviluppo sostenibile e la social responsability stanno assumendo nelle aziende sempre più importanza. "Lavorare applicando le regole della sostenibilità offre maggiori…
Leggi ancora

Amministratori? Mai distratti

di Vittorio Provera L’obbligo di vigilanza e di attivazione per impedire atti pregiudizievoli per la società non viene meno se l’amministratore sia rimasto estraneo alla conduzione, non esercitando poteri; così…
Leggi ancora