IL COMPUTO DEI LICENZIAMENTI EFFETTUATI DAL DATORE DI LAVORO AI FINI DELL’APPLICAZIONE DELLA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO COLLETTIVO EX LEGE N. 223/1991

collegato lavoro

a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati

Con la recente sentenza n. 15401 del 20 luglio 2020 la Corte di Cassazione si è pronunciata sull’interpretazione della nozione di “licenziamento” richiamata dall’art. 24 della legge n. 223/1991, che stabilisce l’applicazione della procedura di licenziamento collettivo, disciplinata dalla citata legge, nel caso in cui le imprese con più di quindici dipendenti intendano effettuare, in conseguenza di una riduzione o trasformazione di attività o di lavoro, almeno cinque licenziamenti nell’arco di centoventi giorni.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Il distacco transfrontaliero dei…

di Enrico Vella – Trifirò & Partners Avvocati Nella Gazzetta Ufficiale n. 229 del 15 settembre 2020 è stato pubblicato il decreto legislativo n. 122 del 15 settembre 2020 che…
Leggi ancora

Il voto dei creditori…

di Francesco Autelitano, Partner, Trifirò & Partners 1. Voto e volontà negoziale del ceto creditorio L’approvazione della proposta del debitore, da parte del ceto creditorio, costituisce uno dei momenti salienti,…
Leggi ancora

Il potenziale dello smart…

di Salvatore Trifirò - Il Sole 24 Ore, 01/09/2020 Mentre negli anni 80 in Italia con alcuni intraprendenti imprenditori veniva data vita a forme di lavoro autonomo cosiddette atipiche (quelle…
Leggi ancora