Antonio Cazzella

La deduzione in giudizio di fatti “nuovi” non sempre viola il principio di immutabilità della contestazione disciplinare

nt+ diritto

a cura dell’Avv. Antonio Cazzella, Studio Trifirò & Partners Avvocati – NT+Diritto, 24/11/2020 Con sentenza n. 22076 del 13 ottobre 2020 la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla possibilità di configurare una violazione dell’art. 7 Stat. Lav. (norma che, come noto, tutela il diritto di difesa del lavoratore) nel caso in cui il datore […]

La natura giuridica dei buoni pasto e la revocabilità da parte del datore di lavoro

collegato lavoro

Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati Con sentenza n. 16135 del 28 luglio 2020 la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla domanda di un lavoratore che aveva chiesto di accertare l’illegittimità della revoca unilaterale, da parte del datore di lavoro, dell’erogazione dei buoni pasto. In particolare, secondo la prospettazione del lavoratore, […]

IL COMPUTO DEI LICENZIAMENTI EFFETTUATI DAL DATORE DI LAVORO AI FINI DELL’APPLICAZIONE DELLA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO COLLETTIVO EX LEGE N. 223/1991

collegato lavoro

a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati Con la recente sentenza n. 15401 del 20 luglio 2020 la Corte di Cassazione si è pronunciata sull’interpretazione della nozione di “licenziamento” richiamata dall’art. 24 della legge n. 223/1991, che stabilisce l’applicazione della procedura di licenziamento collettivo, disciplinata dalla citata legge, nel caso in cui le imprese […]

La nozione di insubordinazione nell’elaborazione della giurisprudenza di legittimità

collegato lavoro

Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati La recente sentenza n. 13411 del 1° luglio 2020, pronunciata dalla Corte di Cassazione in una fattispecie di licenziamento disciplinare, offre lo spunto per una breve riflessione sulla nozione di insubordinazione elaborata dalla giurisprudenza di legittimità. Nel caso esaminato, è stata confermata la decisione della […]

Licenziamento per ragioni organizzative: i recenti orientamenti della giurisprudenza di legittimità

collegato lavoro

Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati Fermo restando il temporaneo divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, introdotto dal Decreto Cura Italia, appare comunque utile una breve disamina degli ultimi approdi della giurisprudenza di legittimità. Con la recente sentenza n. 7471 del 19 marzo 2020 , la Suprema Corte ha precisato che la […]

Manifesta insussitenza del fatto posto a base del licenziamento per motivo oggettivo: ipotesi “eccezionale”, ma la reintegrazione è l’unica tutela applicabile

collegato lavoro

Diritto 24 – Il Sole 24 Ore: 25/03/2019 A cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati Con la recente sentenza n. 7167 del 13 marzo 2019 la Suprema Corte è intervenuta per chiarire una questione che aveva sollevato, anche alla luce di precedenti pronunce di legittimità, alcuni dubbi interpretativi e, segnatamente, le “tutele” applicabili, […]

L’inefficacia del licenziamento in caso di codatorialità del rapporto di lavoro

collegato lavoro

Diritto 24 – Il Sole 24 Ore: 16/01/2019 L’inefficacia del licenziamento in caso di codatorialità del rapporto di lavoro Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella “Con la recente sentenza n. 267 del 9 gennaio 2019 la Corte di Cassazione ha confermato la pronuncia della Corte di merito, che aveva accertato l’inefficacia del licenziamento intimato ad […]

La registrazione di conversazioni e di video sul luogo di lavoro: comportamento disciplinarmente rilevante o legittimo esercizio del diritto di difesa?

Diritto24

Diritto24 – Il Sole 24 Ore: 11/06/2018 La registrazione di conversazioni e di video sul luogo di lavoro: comportamento disciplinarmente rilevante o legittimo esercizio del diritto di difesa? Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella “Con due recenti sentenze la Suprema Corte si è nuovamente pronunciata su una particolare fattispecie, che ha costituito l’occasione per effettuare […]

Quando la pubblicazione tramite Facebook configura un comportamento ai fini della giusta causa di recesso

Diritto24

Diritto24 – Il Sole 24 Ore: 04/05/2018 Quando la pubblicazione tramite Facebook configura un comportamento ai fini della giusta causa di recesso Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella “E’ oramai assodato che l’utilizzo dei social network può comportare la lesione della propria privacy, come hanno dimostrato, anche recentemente, i noti fatti relativi all’acquisizione, da parte […]

La mancata assegnazione al dipendente degli obiettivi non è sufficiente a determinare il diritto al risarcimento del danno

Diritto24

Diritto24 – Il Sole 24 Ore: 07/02/2018 La mancata assegnazione al dipendente degli obiettivi non è sufficiente a determinare il diritto al risarcimento del danno Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella “Con la recente sentenza n. 2293 del 30 gennaio 2018, la Corte di Cassazione ha confermato un orientamento che sembra ormai consolidato, affermando che, ove sia […]