Il potenziale dello smart working passa dagli accordi individuali

cresce il peso della consulenza

di Salvatore Trifirò – Il Sole 24 Ore, 01/09/2020

Mentre negli anni 80 in Italia con alcuni intraprendenti imprenditori veniva data vita a forme di lavoro autonomo cosiddette atipiche (quelle dei pony express e delle vendite porta a porta), sulla stessa scia si concretizzava in Olanda negli anni 90 il “concept” dello smart working come nuovo modello di organizzazione del lavoro che veniva adottato anche in altri Paesi del Nord Europa e in Australia.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

I controlli difensivi e…

di Antonio Cazzella - NT+ Diritto, 04/10/2021 Con sentenza n. 25732 del 23 settembre 2021 la Suprema Corte si è nuovamente pronunciata sui limiti ai quali è sottoposto il datore di…
Leggi ancora

Contratto d’agenzia con paletti:…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 04/10/2021 È nulla per frode alla legge, la clausola prevista nell'ambito di un contratto di agenzia che imponga la corresponsione di una penale di rilevante…
Leggi ancora

Rientro in ufficio, green…

con l'intervento dell'Avv. Jacopo Moretti, Trifirò & Partners Uffici semi-deserti, verifica della certificazione verde esclusivamente all'accesso delle mense aziendali e sospensione del buono pasto nelle giornate “smart”. Tra chi, in…
Leggi ancora