La natura giuridica dei buoni pasto e la revocabilità da parte del datore di lavoro

collegato lavoro

Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati

Con sentenza n. 16135 del 28 luglio 2020 la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla domanda di un lavoratore che aveva chiesto di accertare l’illegittimità della revoca unilaterale, da parte del datore di lavoro, dell’erogazione dei buoni pasto.

In particolare, secondo la prospettazione del lavoratore, il buono pasto doveva considerarsi parte integrante della normale retribuzione, anche in conseguenza di una “legittima aspettativa” derivante dalla reiterata e generalizzata prassi aziendale protrattasi dal 1999 al 2006.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Smart working o Caverna…

a cura di Federico Manfredi dello Studio Legale Trifirò & Partners Lo Smart Working è da mesi al centro dell’attenzione mediatica, divenendo materia di discussione pressoché trasversale a tutti gli…
Leggi ancora

L’ufficio sarà digitale, più…

dell'Avv. Jacopo Moretti - Corriere Economia 19/10/2020 "Rispetto all'organizzazione del lavoro dipendente, basata sulla presenza stabile nei locali aziendali e sull'osservanza di orari di lavoro fissi, lo smart working costituisce…
Leggi ancora