La nozione di insubordinazione nell’elaborazione della giurisprudenza di legittimità

collegato lavoro

Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati

La recente sentenza n. 13411 del 1° luglio 2020, pronunciata dalla Corte di Cassazione in una fattispecie di licenziamento disciplinare, offre lo spunto per una breve riflessione sulla nozione di insubordinazione elaborata dalla giurisprudenza di legittimità.

Nel caso esaminato, è stata confermata la decisione della Corte di merito, che ha ritenuto legittimo il licenziamento di un lavoratore, il quale aveva minacciato la responsabile dell’ufficio amministrativo nel corso di una discussione, insorta per la restituzione di una chiavetta utilizzata al distributore di caffè; in particolare, il lavoratore aveva chiuso la porta dell’ufficio della responsabile, pronunciando la frase “prima o poi, in sede più consona, dovrò farti un discorso” e puntando il dito contro l’interlocutrice.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more

Conflitto di interessi, contratti…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 20/06/2022 KO l'accordo concluso dall'amministratore in conflitto di interessi. Il contratto concluso dall'Amministratore delegato di una Società per azioni con altra società di cui era…
Read more

Licenziamento del dirigente apicale:…

di Tommaso Targa - NT+ Diritto, 07/06/2022 Con sentenza n. 17689/2022 , pubblicata il 31 maggio 2022, la Cassazione torna a pronunciarsi su un tema dibattuto: quello dei limiti del…
Read more