Licenziamenti senza crisi – Motivi economici anche con bilanci in attivo

Debiti

ItaliaOggi:  19/07/2019

Di Vittorio Provera – Trifirò & Partners Avvocati

La risoluzione del rapporto di lavoro per motivi economici non presuppone necessariamente la prova di un andamento negativo dell’azienda; pertanto è giustificato qualora la soppressione del posto sia conseguenza di un effettivo mutamento dell’assetto organizzativo, correlato alla migliore efficienza gestionale o anche ad un incremento della redditività. Questa la decisione a cui è pervenuta una recente sentenza della Corte di appello di Milano n. 1313 del 21/06/19

Continua a leggere l’intero articolo qui

 

0

Articoli Correlati

Smart working o Caverna…

a cura di Federico Manfredi dello Studio Legale Trifirò & Partners Lo Smart Working è da mesi al centro dell’attenzione mediatica, divenendo materia di discussione pressoché trasversale a tutti gli…
Leggi ancora

L’ufficio sarà digitale, più…

dell'Avv. Jacopo Moretti - Corriere Economia 19/10/2020 "Rispetto all'organizzazione del lavoro dipendente, basata sulla presenza stabile nei locali aziendali e sull'osservanza di orari di lavoro fissi, lo smart working costituisce…
Leggi ancora

La natura giuridica dei…

Commento a cura dell'avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati Con sentenza n. 16135 del 28 luglio 2020 la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla domanda di un lavoratore che…
Leggi ancora