Part-time, violazione delle clausole flessibili e risarcimento simbolico del danno

nt+ diritto

dell’Avv. Tommaso Targa

La sentenza in commento si è pronunciata in merito al ricorso presentato da una lavoratrice addetta, con orario di lavoro part-time, a mansioni promiscue di maschera, cassiera e barista, presso un cinema multisala.

La ricorrente – pur avendo accettato l’inserimento nel contratto di assunzione di una clausola elastica – ha lamentato che il datore di lavoro, in violazione della normativa all’epoca vigente (d.lgs. 25 febbraio 2000 n. 61), avrebbe abusato di tale clausola, adibendola in modo sistematico allo svolgimento delle sue mansioni al di fuori dell’orario di lavoro contrattualmente pattuito, ed anche a turni notturni non previsti, così violando la disciplina di legge e del CCNL applicabile.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Controlli informatici sul lavoro…

a cura dell'Avv. Vittorio Provera, Trifirò & Partners Avvocati - ItaliaOggi, 24 novembre 2020 Sono leciti e al di fuori dei divieti dell'art 4 dello statuto dei lavoratori, i controlli…
Leggi ancora

Le misure emergenziali e…

a cura dell'Avv. Vittorio Provera, Trifirò & Partners Avvocati - Panorama, 21/11/2020 La recente proroga del blocco dei licenziamenti al 31 gennaio 2021, introdotta con l'art. 12 D.L. 28 ottobre…
Leggi ancora

Decreto liquidità, cancellazione di…

di Francesco Autelitano, Partner, Trifirò & Partners Avvocati 1. Il decreto ex art. 15 l. fall. cui è dedicato il presente commento (Tribunale di Verbania, 2 novembre 2020) affronta ex professo la…
Leggi ancora