Quando la pubblicazione tramite Facebook configura un comportamento ai fini della giusta causa di recesso

Diritto24

Diritto24 – Il Sole 24 Ore: 04/05/2018
Quando la pubblicazione tramite Facebook configura un comportamento ai fini della giusta causa di recesso

Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella

“E’ oramai assodato che l’utilizzo dei social network può comportare la lesione della propria privacy, come hanno dimostrato, anche recentemente, i noti fatti relativi all’acquisizione, da parte della società Cambridge Analytica, di informazioni pubblicate su Facebook da parte di milioni di utenti. Peraltro, l’utilizzo di Facebook può anche determinare la perdita del posto di lavoro; si tratta di un fenomeno che, negli anni, ha assunto proporzioni davvero rilevanti…

0

Articoli Correlati

Il temporary management

a cura dell’avv. Tommaso Targa – Trifirò & Partners Avvocati Cosa si intende per temporary management? Di solito, con questa espressione, ci si riferisce alla assegnazione ad un manager di comprovata…
Leggi ancora

La nozione di insubordinazione…

Commento a cura dell'avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati La recente sentenza n. 13411 del 1° luglio 2020, pronunciata dalla Corte di Cassazione in una fattispecie di licenziamento disciplinare,…
Leggi ancora

Le novità introdotte dalla…

Luca Peron e Diego Meucci – Trifirò & Partners Avvocati È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 180 del 18 luglio 2020, la Legge 17 luglio 2020, n. 77, con la…
Leggi ancora