La natura giuridica dei buoni pasto e la revocabilità da parte del datore di lavoro

buoni pasto

La Corte di Cassazione con sentenza n.16135 del 28 luglio 2020 si è pronunciata sulla domanda di un lavoratore che aveva chiesto di accertare l’illegittimità della revoca unilaterale, da parte del datore di lavoro, dell’erogazione dei buoni pasto.

In particolare, secondo la prospettazione del lavoratore, il buono pasto doveva considerarsi parte integrante della normale retribuzione.

0

Articoli Correlati

Controlli informatici sul lavoro…

Sono leciti e al di fuori dei divieti dell'articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori, i controlli informatici sul lavoro finalizzati ad accertare comportamenti costituenti lesione dell'immagine aziendale e, astrattamente, reato;…
Leggi ancora

La prova del danno…

La Corte di Cassazione con sentenza 11 novembre 2020 - n. 23144, si pronuncia sulla domanda di risarcimento del danno conseguente ad un accertato demansionamento. Il commento e le considerazioni…
Leggi ancora

Part-Time, violazione delle clausole…

L'avvocato Tommaso Targa commenta una sentenza molto rilevante per il principio che stabilisce. Una lavoratrice con orario di lavoro part-time e mansioni di maschera, cassiera e barista presso un cinema…
Leggi ancora