La natura giuridica dei buoni pasto e la revocabilità da parte del datore di lavoro

buoni pasto

La Corte di Cassazione con sentenza n.16135 del 28 luglio 2020 si è pronunciata sulla domanda di un lavoratore che aveva chiesto di accertare l’illegittimità della revoca unilaterale, da parte del datore di lavoro, dell’erogazione dei buoni pasto.

In particolare, secondo la prospettazione del lavoratore, il buono pasto doveva considerarsi parte integrante della normale retribuzione.

0

Articoli Correlati

Il potenziale dello smart…

Durante gli anni '80 alcuni intraprendenti imprenditori davano vita a forme di lavoro autonomo c.d. atipiche (quelle dei pony express e delle vendite porta a porta). Sulla stessa scia si…
Leggi ancora

Sostenibilità ed etica nell’attuale…

Con il termine sostenibilità si intende l'orientamento all'adozione di uno stile di vita volto a soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di far…
Leggi ancora