Emergenza sanitaria e crisi economica: la leva finanziaria del D.L. 23/20 per immettere liquidità nelle imprese

collegato lavoro

di Francesco Cristiano – Trifirò e Partners Avvocati

Il decreto legge n. 23 dell’8 aprile 2020 ha introdotto un pacchetto di misure accomunate dalla finalità di dotare le imprese italiane di liquidità per affrontare la crisi economica indotta dall’emergenza sanitaria.

In particolare, il Governo ha previsto l’attivazione di un meccanismo di prestiti alle imprese italiane, presidiato da garanzie pubbliche, per un controvalore di Euro 200 miliardi, di cui 30 miliardi riservati alle piccole e medie imprese (PMI) che abbiano pienamente utilizzato la capacità di accesso al Fondo Centrale di Garanzia loro riservato ai sensi della Legge 662/96.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Politiche di remunerazione nelle…

di Francesco Autelitano - Dirittobancario.it, 04/01/2022 1. Ragioni dell’Aggiornamento della Circolare n. 285/2013 e principali novità In data 4 dicembre 2021 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 37° Aggiornamento…
Read more

Smart working oltre la…

di Stefano Trifirò - L'Economia, 6/12/2021 "Nel lockdown le aziende per far fronte all'emergenza sanitaria hanno dovuto improvvisare nuove forme di lavoro, come quello agile. Ma è anche scaturito un…
Read more

Compensi, vertici srl all’asciutto

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 24/11/2021 Tra l'amministratore di srl e la società sussiste un rapporto di immedesimazione organica, tuttavia il diritto al compenso ha una sua connotazione autonoma, con…
Read more