Licenziamento per ragioni organizzative: i recenti orientamenti della giurisprudenza di legittimità

collegato lavoro

Commento a cura dell’avv. Antonio Cazzella – Trifirò & Partners Avvocati

Fermo restando il temporaneo divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, introdotto dal Decreto Cura Italia, appare comunque utile una breve disamina degli ultimi approdi della giurisprudenza di legittimità.
Con la recente sentenza n. 7471 del 19 marzo 2020 , la Suprema Corte ha precisato che la violazione del criterio di correttezza e buona fede nella scelta, tra lavoratori adibiti a mansioni omogenee, del dipendente da licenziare può comportare, esclusivamente, sanzioni risarcitorie.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Sulla invocata risoluzione per…

di Tommaso Targa e Enrico Vella - NT+ Diritto, 15/06/2022 Nell'ambito di un rapporto di lavoro ormai logoro, una lavoratrice è rimasta assente ingiustificata per oltre sei mesi, dopo la…
Read more

Legittimo e proporzionato il…

di Federico Manfredi - Guida al Lavoro, 29/06/2022 La Cassazione ha ritenuto il licenziamento proporzionato alla gravità dei complessivi fatti addebitati, in  quanto la contestualizzazione della vicenda non legittimava la…
Read more

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more