Liquidità Covid: attenzione alle responsabilità

collegato lavoro

a cura dell’Avv. Vittorio Provera, Trifirò & Partners Avvocati e del Dr. Franco Rabitti di Rabitti & Partners

Il “Decreto Liquidità” ha previsto due forme principali di garanzia per il finanziamento alle imprese, quello con ricorso alla Sace e quello con ricorso al Fondo PMI; entrambi pongono condizioni sullo stato dell’impresa ed, in particolare, per Sace, l’impresa non deve rientrare nella categoria delle imprese “in difficoltà” alla data del 31/12/2019, né doveva risultare presente tra le “esposizioni deteriorate” presso il sistema bancario alla data del 29/2/2020. Per il Fondo PMI, non deve presentare esposizioni nei confronti del soggetto finanziatore classificate come “inadempienze probabili” o “posizioni scadute o sconfinamenti deteriorati” alla data del 31/1/2020. Nessun accesso ad alcuna forma di garanzia per le imprese già a sofferenza.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Lo smart working? Un…

Stefano Trifirò - L'Economia, 29/06/20 Dopo il Covid 19, si aprono nuovi scenari e schermi organizzativi per le imprese che rivoluzioneranno il concetto di lavoro. Pensa così l'avvocato Stefano Trifirò…
Leggi ancora

Il punto su… validità…

di Vittorio Provera Partner Trifirò & Partners Avvocati In situazioni nelle quali il capitale sociale di una società è ripartito in misura paritetica tra due soci, o in presenza di due…
Leggi ancora

Concorrenza sleale “pura” e…

Trib. Trieste, sezione specializzata in materia di impresa ordinanza 11 marzo 2020 - Nota a cura dell'avv. Tommaso Targa – Trifirò & Partners Avvocati L'ordinanza in commento ha richiamato la giurisprudenza…
Leggi ancora