Quando il trasferimento (troppo lontano) diventa un licenziamento

cuneo fiscale

di Stefano Trifirò – L’Economia, 14/02/2022

Una sentenza della Corte di Giustizia europea, a cui si è conformata la Corte di Cassazione, ha stabilito che dove si verifichi una modifica sostanziale del contratto di lavoro per ragioni non inerenti alla persona del dipendente, come ad esempio un trasferimento, si è di fronte ad un comportamento illecito espulsivo da parte dell’azienda.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more

Conflitto di interessi, contratti…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 20/06/2022 KO l'accordo concluso dall'amministratore in conflitto di interessi. Il contratto concluso dall'Amministratore delegato di una Società per azioni con altra società di cui era…
Read more

Licenziamento del dirigente apicale:…

di Tommaso Targa - NT+ Diritto, 07/06/2022 Con sentenza n. 17689/2022 , pubblicata il 31 maggio 2022, la Cassazione torna a pronunciarsi su un tema dibattuto: quello dei limiti del…
Read more