Smart working o ferie? La giurisprudenza affronta il tema nell’attuale contesto sanitario

collegato lavoro

Trib. Grosseto 23 aprile 2020, ordinanza

di Marina Olgiati – Trifirò & Partners Avvocati

Può il datore di lavoro scegliere di collocare in ferie il proprio dipendente o, viceversa, deve autorizzarne la prestazione in smart working laddove abbia già attuato tale modalità lavorativa?

Di questa tematica si è occupata una recente pronuncia del Tribunale di Grosseto, nell’ambito di un procedimento d’urgenza promosso da un lavoratore invalido.

Leggi l’intero articolo qui!

0

Articoli Correlati

Il distacco transfrontaliero dei…

di Enrico Vella – Trifirò & Partners Avvocati Nella Gazzetta Ufficiale n. 229 del 15 settembre 2020 è stato pubblicato il decreto legislativo n. 122 del 15 settembre 2020 che…
Leggi ancora

Il voto dei creditori…

di Francesco Autelitano, Partner, Trifirò & Partners 1. Voto e volontà negoziale del ceto creditorio L’approvazione della proposta del debitore, da parte del ceto creditorio, costituisce uno dei momenti salienti,…
Leggi ancora

Il potenziale dello smart…

di Salvatore Trifirò - Il Sole 24 Ore, 01/09/2020 Mentre negli anni 80 in Italia con alcuni intraprendenti imprenditori veniva data vita a forme di lavoro autonomo cosiddette atipiche (quelle…
Leggi ancora