Il ricorrente chiede l’inibitoria in via cautelare della violazione di un patto di non concorrenza deve provare il periculum in mora che non è in re ipsa

collegato lavoro

Diritto 24 – Il Sole 24 Ore: 10/01/2019
Il ricorrente chiede l’inibitoria in via cautelare della violazione di un patto di non concorrenza deve provare il periculum in mora che non è in re ipsa

Commento a cura dell’avv. Tommaso Targa

Trib. Alessandria, ordinanza 16 novembre 2018

“Una società, operante in un settore industriale “di nicchia”, ha promosso un ricorso d’urgenza nei confronti di un proprio ex dipendente, lamentando che il medesimo, essendo passato alle dipendenze di un concorrente, avrebbe violato il patto di non concorrenza inter partes, con conseguente rischio di diffusione di know how aziendale.

Con l’ordinanza in commento, il Tribunale di Alessandria ha rigettato il ricorso della società ritenendo che la pretesa violazione del patto di non concorrenza non sarebbe sufficiente a concedere l’inibitoria, in assenza di prova del periculum in mora che non è mai in re ipsa.”

 

Continua a leggere l’articolo >>

0

Articoli Correlati

Il distacco transfrontaliero dei…

di Enrico Vella – Trifirò & Partners Avvocati Nella Gazzetta Ufficiale n. 229 del 15 settembre 2020 è stato pubblicato il decreto legislativo n. 122 del 15 settembre 2020 che…
Leggi ancora

Il voto dei creditori…

di Francesco Autelitano, Partner, Trifirò & Partners 1. Voto e volontà negoziale del ceto creditorio L’approvazione della proposta del debitore, da parte del ceto creditorio, costituisce uno dei momenti salienti,…
Leggi ancora

Il potenziale dello smart…

di Salvatore Trifirò - Il Sole 24 Ore, 01/09/2020 Mentre negli anni 80 in Italia con alcuni intraprendenti imprenditori veniva data vita a forme di lavoro autonomo cosiddette atipiche (quelle…
Leggi ancora