Determinazione del corrispettivo del patto di non concorrenza dell’agente

collegato lavoro

Trib. Napoli, sezione lavoro, Sentenza 19 maggio 2020

Nota a cura dell’avv. Tommaso Targa – Trifirò & Partners Avvocati

La sentenza in commento ha esaminato il patto di non concorrenza post contrattuale, inserito in un contratto di agenzia. Tale patto prevedeva, a titolo di corrispettivo, il pagamento di un importo, da corrispondersi in unica soluzione al momento della cessazione del rapporto, pari al 2% delle commissioni complessivamente fatturate dall’agente ab initio.
L’agente ha sostenuto che tale corrispettivo sarebbe stato incongruo e, comunque, quantificato in violazione dell’art. 1751 bis cod. civ..

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Possibile l’instaurazione di due…

di Federico Manfredi - Diritto del Lavoro, Private, 29/11/2022 Possibile l'instaurazione di due rapporti di lavoro distinti con il medesimo datore e il permesso sindacale Il Tribunale del Lavoro di…
Read more

Licenziabile il dipendente in…

di Federico Manfredi - Diritto del Lavoro, Private, 29/11/2022 Licenziabile il dipendente in spiaggia durante il permesso sindacale Il Tribunale di Brindisi con la sentenza 11 ottobre 2022, n. 1565 ha ritenuto…
Read more

Patti chiari

di Jacopo Moretti - Diritto del Lavoro, Private, 28/11/2022 Patti chiari La severance prevede un'indennità forfettaria in caso di dimissioni per situazioni particolari. L'accordo può essere siglato all'assunzione, fatti salvi…
Read more