Determinazione del corrispettivo del patto di non concorrenza dell’agente

collegato lavoro

Trib. Napoli, sezione lavoro, Sentenza 19 maggio 2020

Nota a cura dell’avv. Tommaso Targa – Trifirò & Partners Avvocati

La sentenza in commento ha esaminato il patto di non concorrenza post contrattuale, inserito in un contratto di agenzia. Tale patto prevedeva, a titolo di corrispettivo, il pagamento di un importo, da corrispondersi in unica soluzione al momento della cessazione del rapporto, pari al 2% delle commissioni complessivamente fatturate dall’agente ab initio.
L’agente ha sostenuto che tale corrispettivo sarebbe stato incongruo e, comunque, quantificato in violazione dell’art. 1751 bis cod. civ..

Leggi l’intero articolo qui!

0

Related Posts

Eppur si muove

di Jacopo Moretti - Private, giugno 2022 Quando si reclutano nuovi relationship manager, è frequente imbattersi in patti di non concorrenza e di stabilità, "croce e delizia" per il settore…
Read more

Conflitto di interessi, contratti…

di Vittorio Provera - ItaliaOggi, 20/06/2022 KO l'accordo concluso dall'amministratore in conflitto di interessi. Il contratto concluso dall'Amministratore delegato di una Società per azioni con altra società di cui era…
Read more

Licenziamento del dirigente apicale:…

di Tommaso Targa - NT+ Diritto, 07/06/2022 Con sentenza n. 17689/2022 , pubblicata il 31 maggio 2022, la Cassazione torna a pronunciarsi su un tema dibattuto: quello dei limiti del…
Read more